it.tessabanpaluru.com

10 Surprising Ways Real Estate taglia le tue tasse


Una volta che possiedi una proprietà, potresti essere idoneo per un lungo elenco di agevolazioni fiscali, sia che tu lo utilizzi come casa principale, come reddito da locazione, sia che lo venda a scopo di lucro. Esaminiamo i benefici familiari, come la deduzione degli interessi sui mutui, e anche le varie (stupefacenti!) Agevolazioni fiscali che gli investitori immobiliari, i proprietari terrieri e i proprietari di case godono.

1. Interessi ipotecari

Questa è la più familiare di tutte le deduzioni e una delle pochissime volte che è possibile utilizzare l'interesse che si sta pagando per ridurre la bolletta delle imposte. Oltre a detrarre gli interessi ipotecari che stai pagando per l'acquisto della tua residenza principale, puoi anche detrarre gli interessi ipotecari da una seconda ipoteca o da una linea di credito di equità domestica (HELOC).

È possibile detrarre fino a $ 500.000 ($ 1 milione se il deposito coniugato è congiuntamente) in tutti gli interessi ipotecari utilizzati per acquistare, costruire o apportare sostanziali miglioramenti nella prima casa (e in secondo luogo, se applicabile). Tuttavia, non è possibile detrarre alcun interesse ipotecario per gli acquisti su una terza casa e così via. È anche possibile detrarre fino a $ 50.000 ($ 100.000 se il deposito coniugato è congiuntamente) da tutti i debiti azionari domestici per ragioni diverse da acquistare, costruire o migliorare sostanzialmente la prima o la seconda casa.

2. Credito di interessi ipotecari

I beneficiari di un certificato di credito ipotecario (MCC) da parte di uno stato o di un governo locale nell'ambito di un programma di certificazione del credito ipotecario qualificato potrebbero beneficiare di un credito d'imposta sul reddito federale fino al 20% del loro interesse ipotecario annuale. Calcola questo credito sul modulo 8396. La parte migliore è che il restante 80% del tuo interesse ipotecario è ancora ammissibile come detrazione!

3. Punti

Le spese pagate da un mutuatario per garantire un mutuo (anche note come tasse di emissione, commissioni di prestito massime o punti di sconto) possono essere generalmente detratte. Tuttavia, se dovessi pagare dei punti per rifinanziare un mutuo esistente, dovresti ammortizzare i punti durante la vita del mutuo. Quando rifinanzi un prestito, il tuo prestatore ti invierà un modulo 1098 che elenca i punti che hai pagato, ma nel caso in cui non lo fanno, cerca i tuoi punti nel tuo foglio di regolamento HUD-1.

Pagina 6 della Pubblicazione IRS, 936 Deduzione di interessi ipotecari per la casa fornisce un diagramma utile per determinare se i tuoi punti sono completamente deducibili per quest'anno.

4. Imposte immobiliari

Puoi detrarre le tasse immobiliari, incluse quelle statali, locali o estere, che hai pagato su beni immobili di tua proprietà che non sono stati utilizzati per il business. Solo le tasse pagate alle istituzioni governative e non includono le tasse dettagliate per i servizi a determinati beni o persone, come un giardiniere o un servizio di raccolta di rifiuti. Se dovessi vendere la tua proprietà e ricevere un rimborso o una riduzione delle tasse immobiliari, ridurrai la detrazione dell'importo del rimborso o del rimborso.

5. Premi assicurativi ipotecari

È possibile detrarre i premi di assicurazione ipotecaria ammissibili forniti dalle autorità governative, tra cui il Dipartimento per gli affari dei veterani, l'Amministrazione federale delle abitazioni e il Servizio di alloggi rurali, nonché gli emittenti di mutui assicurativi privati ​​(PMI) sui prestiti emessi dopo il 31 dicembre 2006.

Nel 2017, non è possibile detrarre i premi dell'assicurazione ipotecaria se il reddito lordo corretto è superiore a $ 54, 500 ($ 109, 000 se il deposito coniugale è congiuntamente). Se il tuo reddito lordo rettificato rientra tra $ 50.000 e $ 54.500 ($ 100.000 e $ 109.000 se il deposito coniugale è congiuntamente), la tua detrazione è limitata e devi utilizzare il Foglio di lavoro per la detrazione dei premi dell'assicurazione ipotecaria per calcolare la detrazione.

6. Esenzione da guadagni in conto capitale

Alla fine, potresti vendere la tua vera casa. A seconda di diversi fattori, come anni di proprietà, miglioramenti sostanziali e sviluppi del vicinato, la tua casa potrebbe essere apprezzata da diverse migliaia di dollari. Per ridurre l'impatto fiscale sulle plusvalenze tassabili derivanti dalla vendita della tua proprietà, l'IRS può esentare fino a $ 250.000 ($ 500, 00 se il deposito coniugale è congiuntamente) di tale guadagno dal tuo reddito.

In generale, si qualifica per un'esenzione da plusvalenze a condizione che si sia proprietari e utilizzati la propria casa come abitazione principale per un periodo di almeno due anni rispetto ai cinque anni precedenti la data di vendita. Consultare la pubblicazione 523, Vendita di casa per ulteriori dettagli. La bellezza di questa pausa fiscale è che non ci sono restrizioni su quante volte puoi usarlo!

7. Interessi di investimento

Gli investitori immobiliari ottengono anche una detrazione fiscale sugli interessi pagati sul denaro che hanno preso in prestito e che sono allocabili a immobili detenuti per investimento. Tali investitori devono utilizzare il modulo 4952 per calcolare la deduzione delle spese per gli investimenti.

Nonostante il suo nome, questa deduzione degli interessi di investimento non copre gli interessi maturati da attività passive o titoli che generano entrate esenti da imposte.

8. Spese per l'uso commerciale delle abitazioni

I liberi professionisti, gli appaltatori indipendenti e i proprietari di piccole imprese possono detrarre le spese per l'uso commerciale delle loro case. Con il modulo 8829, è possibile richiedere l'area utilizzata regolarmente ed esclusivamente per le imprese per allocare una parte deducibile da una vasta gamma di spese, comprese le utilità e l'ammortamento.

Se le detrazioni per la casa d'affari sono superiori al limite dell'anno in corso, puoi riportare l'eccesso al 2017! Questo riporto sarà soggetto al limite di detrazione per quell'anno, indipendentemente dal fatto che tu viva o meno nella stessa casa durante quell'anno.

9. Crediti fiscali per miglioramenti "verdi"

Per incoraggiare miglioramenti di casa più efficienti dal punto di vista energetico, l'IRS fornisce crediti d'imposta per le spese di qualificazione. Ecco due esempi:

  • Finestre, porte e lucernari che hanno soddisfatto i requisiti del programma ENERGY STAR e sono stati installati tra il 1 ° gennaio 2012 e il 31 dicembre 2016 presso la residenza principale del proprietario della casa possono concedere fino a $ 500 in crediti di imposta sull'efficienza energetica.
  • I sistemi di energia solare forniscono un credito d'imposta del 30% del costo senza limiti massimi fino al 31 dicembre 2019. Il credito scenderà al 26% nel 2020, scenderà al 22% nel 2021 e scomparirà nel 2022.

Per ulteriori informazioni su altre opportunità di credito d'imposta dai miglioramenti di efficienza energetica per la casa, visitare EnergyStar.gov.

10. Deduzioni dalle attività di reddito da locazione

L'affitto di beni immobili offre diverse agevolazioni fiscali ai proprietari. Ad esempio, i proprietari potrebbero potenzialmente dedurre:

  • Spese di trasporto locali per riscuotere i redditi da locazione o gestire, conservare o mantenere proprietà in affitto;
  • Spese per la gestione, la conservazione o il mantenimento della proprietà in affitto dal momento in cui è stata resa disponibile per l'affitto;
  • Spese di ammortamento per l'usura della proprietà in affitto;
  • Tasse locali per il mantenimento, la riparazione o il pagamento di interessi per i benefici;
  • Spese legali e professionali direttamente correlate alle spese operative; e
  • Premi assicurativi prepagati.

Per conoscere l'elenco completo delle spese di noleggio e le linee guida per la detrazione, consultare la pubblicazione 527, Proprietà locativa residenziale. Se durante l'anno utilizzi alcune delle tue proprietà in affitto per scopi personali, dovresti assumere un consulente fiscale per dedurre adeguatamente le spese relative al reddito da locazione. Assumere un contabile per segnalare il reddito delle attività di noleggio è di per sé una detrazione ammissibile, dopo tutto!